ICT & Digital Forensics Consulting

Linee guida per la sicurezza informatica nell’Internet of Things

GSMA-logo-webL’arrembante avanzata dell’Internet delle Cose, o Internet of Things (IoT), attraverso la creazione di nuovi prodotti e servizi innovativi che fondano le loro funzionalità sulla connettività, rappresenta sicuramente una grande opportunità, sia per i produttori che per i consumatori. Contestualmente, l’enorme numero di dispositivi che si prevede saranno connessi nei prossimi anni, e la proporzionale mole di dati che verranno riversati in rete, crea già attenzione sulle implicazioni di questo approccio iper-connesso, e su certe tematiche anche una ragionevole preoccupazione, in particolare per quanto riguarda gli aspetti di privacy e security.

Del resto, sul fronte delle possibili frodi e degli attacchi informatici già ci sono indizi di particolare attenzione da parte degli aggressori, che su questo terreno hanno certamente un vantaggio in termini di ‘esperienza’, rispetto ai nuovi fornitori che si affacciano a questo mercato. Va però detto che le minacce e le potenziali soluzioni a queste, sono tipicamente molto simili, per questo l’industria delle telecomunicazioni -che ha una storia importante nella fornitura di prodotti e servizi sicuri ai clienti- costituisce un importante opportunità per assicurarsi che i nuovi servizi IoT possano arrivare sul mercato in modo sicuro.

Da qui l’impegno di GSMA, l’associazione GSM, attraverso proprio la partecipazione degli operatori di telecomunicazioni che ne fanno parte, a capitalizzare e valorizzare l’esperienza nel settore della sicurezza informatica a vantaggio dell’IoT.

GSMA ha quindi creato un insieme di documenti quali linee guida per la sicurezza nell’IoT (“Internet of Things Security Guidelines“): l’obiettivo dei documenti prodotti è quello di fornire, a chi sviluppa un servizio o un prodotto IoT, le corrette modalità di progettazione di un prodotto sicuro. Destinatari di queste linee guida sono gli IoT service provider, i produttori di device IoT, gli sviluppatori IoT, gli operatori di rete. Per questo le linee guida sono suddivise su più capitoli specializzati sui diversi temi.

Di seguito i link per approfondire:

 

 

 

Posted in: notizie, privacy, sicurezza informatica Tagged: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *