ICT & Digital Forensics Consulting

La certificazione PMP®

La crescita inarrestabile dell’importanza e degli impatti dell’informatica e delle telecomunicazione sulle aziende e sull’economia mondiale ha comportato la necessità di una gestione dei progetti ICT in maniera sempre più qualificata e industrializzata, in grado di garantire il rispetto dei tempi, dei budget, degli obiettivi di progetto e la corretta gestione delle risorse coinvolte. Sono sempre più indispensabili a questo scopo figure professionali preparate, in grado di gestire il cambiamento, con conoscenze consolidate e riconosciute spesso anche a livello internazionale. Al crescere dell’importanza della professionalità richiesta, è cresciuta parallelamente la necessità per i Project Manager di attestare, con riferimento a standard documentabili, la propria competenza in questo ambito. Analogamente nelle aziende si è diffusa l’esigenza di certificare presso importanti organizzazioni le capacità e le conoscenze dei propri capi progetto, soprattutto se tale professionalità certificata è un bene “rivendibile” verso il cliente esterno che richiede o commissiona il progetto da gestire.
A questo scopo, in ambito nazionale e internazionale si stanno diffondendo diversi programmi per la certificazione.

Il PMI (Project Management Institute),  è un tra gli enti più noti a livello mondiale nel campo del Project Management. E’ stato fondato nel 1969 negli Stati Uniti  e da allora promuove in maniera particolarmente autorevole lo sviluppo e la diffusione di standard internazionali in tale ambito, basati su best practice riconosciute. Negli anni il PMI è diventato un riferimento mondiale per la ricchezza di informazioni e risorse messe a disposizione, contribuendo, tra l’altro, alla diffusione di una cultura moderna e di una terminologia di riferimento per il Project Management.

La sua pubblicazione principale in ambito è il  PMBOK® Guide – Project Management Body of Knowledge, nata nel 1987 con l’obiettivo di raccogliere e ordinare tutte le conoscenze che insistono nell’ambito del Project Management.

Il PMI promuove ed amministra diversi programmi di certificazione. Tra questi figura il PMP® (Project Management Professional) che si caratterizza per essere di alto livello, rigoroso, professionale e basato su esami estremamente selettivi. Si rivolge alla figura del Project Manager, responsabile del progetto ed è il titolo nella professione del Project Management probabilmente più conosciuto e apprezzato nel mondo. Per potere ottenere la certificazione PMP® infatti, oltre a padroneggiare perfettamente il PMBOK®  bisogna dimostrare di avere, documentandola,  un’esperienza pluriennale di Project Management maturata sul campo. Inoltre, le domande d’esame, che prevedono la risoluzione di casi anche complessi, non mirano tanto a verificare una conoscenza mnemonica dei testi, ma piuttosto la capacità del PM di affrontare, secondo le best practice riconosciute, situazioni di progetto reali.

La certificazione inoltre per essere mantenuta negli anni richiede il conseguimento periodico di un certo numero di PDU (professional development units – equiparabili a crediti formativi) attualmente con cadenza triennale, garantendo in questo modo che il titolare della certificazione rimanga costantemente aggiornato sulle tematiche di Project Management.

La certificazione PMP® spesso viene formalmente richiesta nelle aziende per poter ricoprire ruoli di responsabilità  e costituisce la principale garanzia della conoscenza della disciplina e della pratica del Project Management di successo.

I principali vantaggi della certificazione PMP® possono essere sintetizzati  come segue:

  • dal punto di vista dell’azienda che deve realizzare un progetto si ottiene una maggiore garanzia di qualità e competenza nella gestione dei progetti da parte dei propri capi progetto, rendendo complessivamente i propri processi più efficienti; inoltre, e non è secondario, si rafforza la capacità di partecipare a gare e progetti nazionali ed internazionali dove l’utilizzo di personale con tale certificazione è sempre più richiesto;
  • dal punto di vista del Project Manager, è l’attestazione delle proprie competenze ed esperienze da parte di un ente riconosciuto a livello nazionale e internazionale, oltre che l’acquisione di un linguaggio, una metodologia e delle tecniche comuni e fondate su best practice che consentono e facilitano la partecipazione ad iniziative particolarmente impegnative, con il coinvolgimento di varie risorse anche a livello internazionale;
  • dal punto di vista del cliente si ottiene una maggiore consapevolezza sull’andamento del progetto, la possibilità di ricavare maggiori informazioni dagli stati di avanzamento dei lavori, un controllo più efficace delle attività progettuali, oltre che una maggiore confidenza sul raggiungimento degli obiettivi progettuali
E’ evidente pertanto come la certificazione PMP® sia un passo importante nella vita di un Project Manager, che oltre ad essere un riconoscimento prestigioso della propria professionalità, diventa anche garanzia della qualità dei servizi erogati.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *